Centro trentino di riabilitazione cardiologica motoria e neuromotoria

Azienda con sistema di qualitá certificato
image
deenit
 

Blog

Ultimi post pubblicati

Categorie

pubblicato il 05 Aprile 2018 nella categoria
04/05/2018

Mi spiego perchè ho espresso il mio sdegno piu grande per questa struttura. Sono la moglie di GRIMALDI GIUSEPPE, ricoverato da Voi il 13.11.2017 in seguito ad un intervento di ricostruzione della valvola mitralica avvenuta al San Raffaele di Milano in data 06.11.2017. Noi non siamo del Nord, anzi, e quando i signori del San Raffaele ci hanno consigliato la struttura dell’Eremo quale fiore all’occhiello di tutta la struttura riabilitativa, non ci abbiamo pensato due volte ad allontanarci ancora di piu da casa e siamo arrivati qui. Naturalmente esteticamente nulla da dire, struttura bellissima, ristorante chic, con personale idoneamente vestito a puntino, medici disponibili e attenti.
Bene direte voi. E allora????
Una struttura del genere non puo’ permettersi di portare un paziente come mio marito a ritrovarsi ad un’ora da una morte certa senza accorgersene e vi spiego perche’
Il tutto è successo perchè cio’ accadeva dal venerdi’ alla domenica, giorni in cui i medici della struttura, bravissimi e preparatissimi, giustamente erano sostituiti da uno pseudo medico di guardia del quale sinceramente non ricordo anche il nome (ma lo indichero’ in altre sedi opportune) . Questo pseudo medico è stato da me informato già dal venerdi sera che mio marito non stava bene, nel senso che una persona che fino al giorno prima camminava, mangiava insieme a me al ristorante, tutto insomma, iniziava ad accusare dolori alla schiena, mancanza di respiro e soprattutto non riusciva a far nulla.
Il medico penso’ bene di dirmi che mio marito aveva bisogno di dormire e per due giorni lo ha tenuto buttato in un letto, con la pressione bassissima e la frequenza alta, somministrandogli sonniferi e calmanti e soprattutto dicendo a me che ero io che agitavo mio marito (ripeto, non staro’ qui a dire i dettagli, quelli saranno oggetto di successiva documentazione e relazione). Conclusione di tutto cio’ fu che non potendogli fare un eco durante quei giorni perche’ non c’era nessuno, lo pseudo medico la lascio’ da fare per il lunedi mattina, giorno in cui mio marito fu trasportato urgentemente in elicottero all’ospedale piu vicino per un ingente tamponamento cardiaco derivante da versamento emopericardico. e
E’ stato rioperato per salvargli la vita, anche perchè pur quando io avvisavo lo pseudo medico che mio marito non urinava, lui mi diceva che non beveva. Invece no. Era in blocco renale.
Questo è semplicemente per esprimere un parere che, ripeto, non è sulla struttura in se per se, ma su determinati medici che il loro lavoro non sono per niente in grado di farlo.
Mi hanno dato della pazza, della esaurita, di tutto. Ma se mio marito oggi è vivo non è grazie a voi.
Con tanti saluti e a presto risentirci
DANIELA LANZARA, moglie di GIUSEPPE GRIMALDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 
 
P.Iva 00681710224 | capitale sociale, interamente versato, è di € 3.120.000. | Cookie Policy - Privacy Policy
© 2014 Casa di Cura Eremo